Giulia Grillo, 42enne siciliana, medico anatomopatologo, attualmente capogruppo alla Camera del M5s, è la nuova ministra della Salute nel governo M5s-Lega. Nata a Catania il 30 maggio del 1975, laureata in medicina e chirurgia con specializzazione in medicina legale, è un’attivista della prima ora del MoVimento, arrivata in Parlamento per la prima volta alle elezioni del 2013.

Nella precedente legislatura è stata vicecapogruppo e capogruppo alla Camera e capogruppo nella commissione Affari Sociali, ed è riuscita a far approvare 3 mozioni a sua prima firma su governance farmaceutica, sblocco del turn-over del personale sanitario, revisione della disciplina sull’intramoenia e governo delle liste d’attesa. Inoltre, ha depositato 4 proposte di legge e 213 atti di indirizzo e controllo alla Camera. Tra le sue battaglie quella per il giusto prezzo dei farmaci innovativi.

Tra le sue prime dichiarazioni da neo-Ministra ha sottolineato come la priorità del dicastero sarà quella di trovare maggiori risorse per finanziare il sistema sanitario nazionale, e di ridurre le disuguaglianze di cura e assistenza fra cittadini per una sanità pubblica giusta, efficiente e accessibile.